image1-1

Educazione sessualeo educazione affettiva?

Oggi viviamo una società complessa che tratta con insistenza dei temi sessuali (media, internet, …) sottoponendo le persone, ed in particolare bambini e i giovani ad un sovraccarico di informazioni, che spesso sono tra loro contraddittorie a fronte delle quali mancano riferimenti per una valutazione critica.

D’altra parte in materia d’educazione viene riservato, molto spesso, silenzio rispetto agli argomenti di natura sessuale, che oltre a rendere problematica la costruzione dell’identità maschile e femminile, espone al rischio delle famiglie e delle scuole di compromettere la salute fisica e psichica.

Nella fase di crescita è importante per i bambini poter disporre di un luogo sicuro e privo di giudizio, dove esprimere e chiarire i quesiti e i dubbi riguardanti la sessualità e l’affettività: la scuola e un docente esterno rappresentano la situazione ideale per promuovere ed educare un’affettività e una sessualità sicura e corretta.

Creare percorsi di educazione affettiva e sessuale, consente di dare uno spazio di legittimazione e socializzazione delle tematiche affettive e sessuali. All’interno del percorso educativo, il discente è portato ad assumere strumenti conoscitivi di linguaggio ed elementi di giudizio per una gestione libera e consapevole della propria sessualità.

Ascoltare i bisogni dei bambini rispetto alla sessualità, all’affettività ed alle emozioni, per trovare insieme delle strade percorribili, attivando momenti di promozione che offrano positive risorse per uno sviluppo armonico, per costruire autonomia, senso critico ed identità, nel rispetto della centralità della persona, dei suoi percorsi e delle sue esperienze.